Click on the flag to choose the language.

God’s Quad explores the power and potential of Small Christian Communities for Catholic college students. Contributors from five continents offer case studies of best practices and practical tools to create effective communities for young adults.

Prima vasta iniziativa internazionale che ha contribuito a riconoscere il discorso dell’odio come abuso dei diritti umani.

STRASBURGO 9 APRILE 2018

Il discorso dell’odio continua a inquinare il dibattito pubblico e la necessità di contrastarlo non è diminuita negli ultimi anni. La campagna giovanile Movimento contro il discorso dell’odio (No Hate Speech Movement) condotta dal Consiglio d’Europa nel periodo 2012-2017 come prima vasta iniziativa internazionale in questo ambito ha contribuito a riconoscere il discorso dell’odio come abuso dei diritti umani e ha offerto validi insegnamenti per il futuro. Questo è uno dei messaggi principali della conferenza che oggi ha riunito circa 150 rappresentanti di comitati nazionali della campagna, partner europei della campagna e organizzazioni giovanili presso il Centro europeo della gioventù a Strasburgo per valutare la campagna e concepire azioni per il futuro.

Lanciato nel 2012 dal Consiglio d’Europa nell’ambito del Piano d'azione del Consiglio d'Europa sulla lotta contro l’estremismo violento e la radicalizzazione che conduce al terrorismo, il Movimento contro il discorso dell’odio ha l’obiettivo principale di attirare l’attenzione sul discorso dell’odio online. Nel 2015 l’attenzione della campagna si è spostata sull’istruzione di giovani attivisti mediante strumenti sviluppati dal CdE. Solo negli ultimi due anni, il Movimento contro il discorso dell’odio è stato esteso a 45 paesi in tutta Europa, ma anche in Messico, Marocco, Tunisia e Quebec; è stato promosso da 60 organizzazioni partner a livello europeo e internazionale; ha ottenuto decine di migliaia di sostenitori sui social media e ha formato 1.100 giovani leader e attivisti per la lotta contro il discorso dell’odio.

All’apertura della Conferenza, che è stata seguita dalla presentazione dal rapporto di valutazione sulla campagna, hanno preso la parola Snežana Samardžić-Marković, a capo della Direzione della Democrazia del Consiglio d’Europa, Ivan Hromada, Vicepresidente del Comitato direttivo europeo per la gioventù e Anne Brasseur, Ambasciatrice del Movimento contro il discorso dell’odio. .../... 

Nel rapporto di valutazione indipendente si osserva che il sostegno istituzionale del Consiglio d’Europa ha agevolato l’attrazione di partecipanti e partner governativi e non governativi da parte di campagne nazionali. Gli strumenti educativi creati dal Consiglio d’Europa, in particolar modo i manuali Bookmarks, sono stati apprezzati dai partecipanti alla campagna. La campagna ha contribuito all’empowerment giovanile e ha potenziato le reti di giovani attivisti online. Allo stesso tempo, ulteriori risorse disponibili a livello centrale e nazionale, anche per il coinvolgimento di professionisti della comunicazione e la produzione di contenuti di qualità, una pianificazione più chiara, nonché ulteriore spazio ad approcci innovativi e meno statici/istituzionali porterebbero beneficio a campagne di questo tipo in futuro.

Il risultati della Campagna Movimento contro il discorso dell’odio e le conclusioni della conferenza saranno presumibilmente portati all’attenzione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa.

Thorbjørn Jagland, Segretario generale del Consiglio d’Europa, si è rivolto ai partecipanti alle ore 17:30 del 10 aprile.

La conferenza si concluderà il 12 aprile. I momenti principali della conferenza saranno trasmessi sulla pagina Facebook del No Hate Speech Movement e sul sito internet della conferenza.

You have no rights to post comments