Click on the flag to choose the language.

        L'Assemblea SIIAEC Pax Romana(*), tenuta dal 20 al 22 aprile 2018, ha riflettuto sulla questione della solidarietà in Europa. L'Unione europea avrebbe dovuto dare il buon esempio di democrazia, diritti umani e Stato di diritto, ma nazionalisti e populisti sono saliti al potere in diversi paesi dell'UE, anche se in modo democratico. La situazione di questi paesi, che prima appartenevano al blocco sovietico, richiede un'attenzione particolare. I loro partiti al potere ritengono che la volontà politica sia al di sopra della legge. Conosciamo questo atteggiamento e le sue conseguenze della storia recente. Scopo della presente dichiarazione è invitare i nostri membri a partecipare al rinnovo del progetto dell'UE. 

     Il dolore per la morte di due nostri concittadini nel confuso campo di battaglia libico ha nuovamente attizzato il fuoco di un contrasto politico interno che si espande ormai senza alcun freno verbale, ed ha alimentato un sentimento di paura e di chiusura all’interno dei nostri confini. L’Europa si sta frantumando, come un gigante dai piedi d’argilla, sotto la pressione di migliaia di uomini, donne, bambini provenienti dalla Siria, dall’Iraq, dall’Afghanistan, e da una miriade di paesi africani. Ormai neppure la sottile ( e spesso disumana) distinzione fra profughi e immigrati “economici” viene più evocata, di fronte alle moltitudini che si accampano presso recinti presidiati.

     L'integrazione europea ha segnato da oltre 60 anni la nostra storia. Dopo una lunga serie di guerre, si trattava di renderle impossibile creando une solidarietà tra i popoli. L'esperienza aveva dimostrato la volatilità dei trattati intergovernativi mentre solidarietà tra i popoli poteva essere un fondamento più solido. Dopo anni di sviluppo, avviene ora il contrario. Il nazionalismo si sviluppa, rifiuta non solo le minoranze religiose, i migranti, ma anche altre nazioni europee. E particolarmente presente nei paesi tradizionalmente cattolici come la Polonia, l'Ungheria, Baviera ...). Le sfide esterne, le minacce terroristiche finanziarie o commerciali che richiedono la solidarietà, al contrario, sembrano scoppiarla: il ritorno delle frontiere interne, il separatismo .... Così no si puo più contare sulla solidarietà tra i popoli?