Lavoro dignitoso

Il lavoro dignitoso e l’agenda dopo il 2015

   «Non parliamo solamente di assicurare a tutti il cibo, o un “decoroso sostentamento”, ma che possano avere “prosperità nei suoi molteplici aspetti”. Questo implica educazione, accesso all’assistenza sanitaria, e specialmente lavoro, perché nel lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale, l’essere umano esprime e accresce la dignità della propria vita. Il giusto salario permette l’accesso adeguato agli altri beni che sono destinati all’uso comune» (Evangelii gaudium).

   Per contribuire al dibattito sull’agenda per lo sviluppo dopo il 2015, noi, organizzazioni di ispirazione cattolica, intendiamo riaffermare che la via più efficace per uscire dalla povertà e dalla crisi economica globale è strettamente legata alla promozione del lavoro dignitoso e all’attuazione di forme adeguate di protezione sociale.