Universal time (UTC/GMT)

Contra la paura, ci vuole cambiamento

     Se dovessi indicare quale sentimento prevalga oggi nelle società occidentali, direi la paura. Spesso inconfessata o esorcizzata attraverso ostentazioni di sicurezza e di forza, la paura si cela perà nei pensieri di molte persone, nelle decisioni di intere popolazioni , nel ritorno ad ideologie che pensavamo  non  dovessero  più occupare lo scenario dei  nostri Paesi. Alla paura cerchiamo di dare un nome per individuare un nemico da combattere e a cui attribuire le colpe di molti problemi sociali che non sappiamo risolvere. Questo nemico è individuato come esterno a noi: l'Isis, mostro che genera figli crudeli anche nelle  nostre  società  ordinate;  gli stranieri, che invadono le nostre terre e alimentano nuove tensioni sociali; la burocrazia europea, che opprime le nostre esistenze con norme fatte apposta per limitare la nostra libertà.

 

    Vi sono certo ragioni serie che motivano la preoccupazione. Vedere nostri concittadini vittime di agguati terroristici nello svolgimento di comuni attività di vita (viaggiare, lavorare, divertirsi) crea un diffusa timore. Ma anche osservare che il cielo delle nostre economie, a dispetto di alcuni segni di miglioramento, è solcato da nubi  minacciose e non promette schiarite in tempi brevi provoca reazioni analoghe. Viene meno la fiducia in persone, organizzazioni o istituzioni da cui vorremmo scelte autorevoli, capaci di rispondere ai nostri bisogni e attese. Il problema varca i confini nazionali. Basta osservare quanta siano rilevanti i movimenti ostili ai processi di immigrazioni con punte apertamente xenofobe, quanta crescano il nazionalismo e l 'antieuropeismo (la Brexit ne è chiara espressione ed è anche simbolo della sfiducia che attraversa trasversalmente i Paesi europei), quanta il successo di Trump al di  là  dell'oceano si stia costruendo su un'idea di America che pensa soprattutto a se stessa e al proprio  prestigio.

Ritenere che le cause dell 'insicurezza siano da attribuire a nemici esterni ci inquieta: cio spiega il ripiegamento entra spazi locali e la predilezione  per  politiche  difensivistiche. Allo stesso tempo ci rassicura, perché possiamo evitare di guardare troppo in noi stessi, ai criteri che guidano le nostre vite, ai modelli culturali che le ispirano, alle forme sociali che orientano i nostri rapporti.

Pur senza negare l 'urgente necessità di politiche attente a salvaguardare la vita delle persone e la pace delle comunità, contrastando le minacce che provengono dall'esterno di esse,  non  possiamo  dimenticare che molte forme di disagio si alimentano di un sistema sociale lacerato, frutto di scelte disattente alle necessità di chi è più debole e più esposto ai rischi dei periodi di crisi. Vari osservatori concordano sul fatto che è stato il disagio sociale ad armare la mano di molti terroristi in Francia come in Belgio e in Germania, mentre la fede jihadista era solo la bandiera del loro combattimento, la  copertura ideologica di un'ostilità verso le comunità di  appartenenza.  Che il tessuto umano si sia sfrangiato lo constatiamo anche dalle tensioni che  talvolta  emergono  con  virulenza   nelle periferie delle nostre città, nei contrasti sociali, nelle manifestazioni pubbliche, nel rassegnato pessimismo di molti nostri concittadini che non hanno speranze per il futuro loro e dei figli.

La risposta dovrebbe prevedere  anzitutto un salto qualitativo dell'iniziativa politica, ancora inadeguata alla complessità e alla profondità della crisi che stiamo attraversando. Non voglio dire che i governi siano stati incapaci di fronteggiare i problemi di questa fase sociale (azioni ne sono state pensate e attuate). L'impressione è pero di un'insufficienza delle soluzioni intraprese e di un logoramento delle forze politiche, indebolite da un contrasta perenne fra loro e al loro interno, che rende difficile orientare le scelte intorno alle priorità di questo momento storico. La dialettica politica è un grande valore democratico quando è fatta anche di ascolto e confronta. Ma quando diviene scontro permanente, perde la sua reale funzione. Il bene comune rischia cosi di restare parola vuota.

Il nostro premier ripete spesso che occorre rinnovare profondamente la realtà del nostro Paese e dell'Europa, e chiede agli Stati dell 'Unione Europea un nuovo e più forte spirito d i collaborazione, che superi le grettezze nazionalistiche e non si fermi a fissare rigide regole in campo economico e finanziario. Condivido appieno questo orientamento, ma occorre dotarsi di adeguati strumenti per realizzarlo. Servono maggiore coesione, più umiltà, la voglia non tanto di primeggiare quanto di mettersi al servizio di un progetto che si persegue con gli altri e non contro gli altri. In questo si manifesta una vera leadership politica che superi ogni velleità  populistica.

Comunque non basta la politica; è necessario che nella comunità civile trovino spazio forze vitali, aggregazioni sociali  e culturali, organizzazioni che sperimentano nuovi modi  di  lavorare  e di  creare  relazioni i interpersonali,  singole persone che non si rassegnano ma offrono generosamente il loro contributo di idee ed esperienze. Papa Francesco, che ha uno sguardo attento alla situazione del mondo di oggi, ha offerto in questi ultimi anni alcune indicazioni preziose, che dovremmo imparare a tradurre nello spazio  civile.  Dice  nella  Laudato  si': «Molte cose devono riorientare la propria rotta, ma prima di tutto è l 'umanità che deve cambiare. Manca la coscienza di un'origine comune, di una mutua appartenenza e di un futuro condiviso da tutti. Questa consapevolezza di base  permetterebbe lo sviluppo di nuove convinzioni, nuovi  atteggiamenti e stili d i vita. Emerge cosi una grande sfida culturale, spirituale ed educativa che implicherà  lunghi  processi  di  rigenerazione».

Raccogliere questa sfida spetta a tutti noi.

 Da Coscienza Settembre 2016

Contra la paura, ci vuole cambiamento

Se dovessi indicare quale sentimento prevalga oggi nelle società occidentali, direi la paura. Spesso inconfessata o esorcizzata attraverso ostentazioni di sicurezza e di forza, la paura si cela perà nei pensieri di molte persone, nelle decisioni di intere popolazioni , nel ritorno ad ideologie che pensavamo  non  dovessero  più occupare lo scenario dei  nostri Paesi. Alla paura cerchiamo di dare un nome per individuare un nemico da combattere e a cui attribuire le colpe di molti problemi sociali che non sappiamo risolvere. Questo nemico è individuato come esterno a noi: l'Isis, mostro che genera figli crudeli anche nelle  nostre  società  ordinate;  gli stranieri, che invadono le nostre terre e alimentano nuove tensioni sociali; la burocrazia europea, che opprime le nostre esistenze con norme fatte apposta per limitare la nostra libertà.

Vi sono certo ragioni serie che motivano la preoccupazione. Vedere nostri concittadini vittime di agguati terroristici nello svolgimento di comuni attività di vita (viaggiare, lavorare, divertirsi) crea un diffusa timore. Ma anche osservare che il cielo delle nostre economie, a dispetto di alcuni segni di miglioramento, è solcato da nubi  minacciose e non promette schiarite in tempi brevi provoca reazioni analoghe. Viene meno la fiducia in persone, organizzazioni o istituzioni da cui vorremmo scelte autorevoli, capaci di rispondere ai nostri bisogni e attese. Il problema varca i confini nazionali. Basta osservare quanta siano rilevanti i movimenti ostili ai processi di immigrazioni con punte apertamente xenofobe, quanta crescano il nazionalismo e l 'antieuropeismo (la Brexit ne è chiara espressione ed è anche simbolo della sfiducia che attraversa trasversalmente i Paesi europei), quanta il successo di Trump al di    dell'oceano si stia costruendo su un'idea di America che pensa soprattutto a se stessa e al proprio  prestigio.

Ritenere che le cause dell 'insicurezza siano da attribuire a nemici esterni ci inquieta: cio spiega il ripiegamento entra spazi locali e la predilezione  per  politiche  difensivistiche. Allo stesso tempo ci rassicura, perché possiamo evitare di guardare troppo in noi stessi, ai criteri che guidano le nostre vite, ai modelli culturali che le ispirano, alle forme sociali che orientano i nostri rapporti.

Pur senza negare l 'urgente necessità di politiche attente a salvaguardare la vita delle persone e la pace delle comunità, contrastando le minacce che provengono dall'esterno di esse,  non  possiamo  dimenticare che molte forme di disagio si alimentano di un sistema sociale lacerato, frutto di scelte disattente alle necessità di chi è più debole e più esposto ai rischi dei periodi di crisi. Vari osservatori concordano sul fatto che è stato il disagio sociale ad armare la mano di molti terroristi in Francia come in Belgio e in Germania, mentre la fede jihadista era solo la bandiera del loro combattimento, la  copertura ideologica di un'ostilità verso le comunità di  appartenenza.  Che il tessuto umano si sia sfrangiato lo constatiamo anche dalle tensioni che  talvolta  emergono  con  virulenza   nelle periferie delle nostre città, nei contrasti sociali, nelle manifestazioni pubbliche, nel rassegnato pessimismo di molti nostri concittadini che non hanno speranze per il futuro loro e dei figli.

La risposta dovrebbe prevedere  anzitutto un salto qualitativo dell'iniziativa politica, ancora inadeguata alla complessità e alla profondità della crisi che stiamo attraversando. Non voglio dire che i governi siano stati incapaci di fronteggiare i problemi di questa fase sociale (azioni ne sono state pensate e attuate). L'impressione è pero di un'insufficienza delle soluzioni intraprese e di un logoramento delle forze politiche, indebolite da un contrasta perenne fra loro e al loro interno, che rende difficile orientare le scelte intorno alle priorità di questo momento storico. La dialettica politica è un grande valore democratico quando è fatta anche di ascolto e confronta. Ma quando diviene scontro permanente, perde la sua reale funzione. Il bene comune rischia cosi di restare parola vuota.

Il nostro premier ripete spesso che occorre rinnovare profondamente la realtà del nostro Paese e dell'Europa, e chiede agli Stati dell 'Unione Europea un nuovo e più forte spirito d i collaborazione, che superi le grettezze nazionalistiche e non si fermi a fissare rigide regole in campo economico e finanziario. Condivido appieno questo orientamento, ma occorre dotarsi di adeguati strumenti per realizzarlo. Servono maggiore coesione, più umiltà, la voglia non tanto di primeggiare quanto di mettersi al servizio di un progetto che si persegue con gli altri e non contro gli altri. In questo si manifesta una vera leadership politica che superi ogni velleità  populistica.

Comunque non basta la politica; è necessario che nella comunità civile trovino spazio forze vitali, aggregazioni sociali  e culturali, organizzazioni che sperimentano nuovi modi  di  lavorare  e di  creare  relazioni i interpersonali,  singole persone che non si rassegnano ma offrono generosamente il loro contributo di idee ed esperienze. Papa Francesco, che ha uno sguardo attento alla situazione del mondo di oggi, ha offerto in questi ultimi anni alcune indicazioni preziose, che dovremmo imparare a tradurre nello spazio  civile.  Dice  nella  Laudato  si': «Molte cose devono riorientare la propria rotta, ma prima di tutto è l 'umanità che deve cambiare. Manca la coscienza di un'origine comune, di una mutua appartenenza e di un futuro condiviso da tutti. Questa consapevolezza di base  permetterebbe lo sviluppo di nuove convinzioni, nuovi  atteggiamenti e stili d i vita. Emerge cosi una grande sfida culturale, spirituale ed educativa che implicherà  lunghi  processi  di  rigenerazione».

Raccogliere questa sfida spetta a tutti noi.

 

Fraternity, a challenge for our time
Vichy (France)
Lun Lug 24, 2017


Dom Ago 28, 2016 @08:00 - 05:00PM
Bosnien
Suschlag
Bosnien, Brennpunkt der Geschichte und der Religionen

WDS Twitter Widget

Adrian Pereira remains an icon of Pax Romana. He embodies the real spirit of Pax Romana. He simply practices what... https://t.co/JtYXQnQhN5
Why and how the West (so called first world) messes up the developing world. https://t.co/M0ryanQzLo
Look at this so called President for a country that calls itself 'first world'. We need a redefinition of this... https://t.co/etHay6rtvn
As a native of Africa and a Pan Africanist, I still think those imperialists who colonized Africa did too much... https://t.co/o4rORFArEp
On the occasion of an European meeting in Paris, there was also a working session for the international Pax... https://t.co/HSGUI0jpBn
La paz en la agenda electoral Colombiana https://t.co/J8lMjipvo7
Faire le premier pas en Colombie https://t.co/qmwEDtwFRR
For the celebration of St Patrick's day, you may drink a beer ! there are also other ways to celebrate the day ! https://t.co/saXLpx9z6c
When the Kenyan minister told the Americans and europeans the naked truth. I love this so so so much. https://t.co/yIf0M3Bk9Q